Misuro

Misuro il mio corpo con il tuo, i miei chili con i tuoi, la mia distanza tra il gomito e la punta dell’indice con la distanza tra il tuo ginocchio e la tua caviglia sottile. La presa rapida della tua mano grande con i tocchi lievi dei miei polpastrelli sulla pelle, il bianco dell’occhio con l’incavo dell’occhiaia, il naso con la scapola e le sottilissime ciglia con i peli del braccio.

Misuro la mia incapacità di comunicazione con la tua forza espressiva, la mia sopportazione dei pesi con la tua leggerezza, il tuo corrucciare la fronte con le mie alzate di spalle, il mutismo con le parole di sempre.